/Poesie/Poesie d'autore/ Alessandro Manzoni
Cerca
Magicamente
storie e poesie


Il 7 marzo del 1785 nacque a Milano Alessandro Manzoni
e il 7 marzo del 1869 nacque a Nantes il pittore Paul Émile Chabas, 
ecco alcuni dipinti del pittore ad accompagnare i brani del grande Manzoni



Dio non turba la gioia dei suoi, se non per preparare una cosa più grande.

***

Non sempre ciò che vien dopo è progresso.



Ma noi uomini siam in generale fatti così: 
ci rivoltiamo sdegnati e furiosi contro i mali mezzani, 
e ci curviamo in silenzio sotto gli estremi; 
sopportiamo, non rassegnati, ma stupidi, 
il colmo di ciò che da principio avevamo chiamato insopportabile.

da "I promessi sposi" 




E s'inoltrava in quell'età così critica, 
nella quale par che entri nell'animo quasi una potenza misteriosa, 
che solleva, adorna, rinvigorisce tutte l'inclinazioni, tutte l'idee, 
e qualche volta le trasforma, o le rivolge a un corso impreveduto.

da "I promessi sposi" 



L'uomo, fin che sta in questo mondo, è un infermo 
che si trova su un letto scomodo più o meno, 
e vede intorno a sé altri letti, ben rifatti al di fuori, piani, a livello:
e si figura che ci si deve star benone. 
Ma se gli riesce di cambiare, appena stà accomodato nel nuovo, 
comincia, pigiando, a sentire, qui una lisca che lo punge,
lì un bernoccolo che lo preme: siamo insomma, a un di presso,
alla storia di prima.




L'Onda 

Come scorrea la calda sabbia lieve 
Per entro il cavo della mano in ozio 
Il cor sentì che il giorno era più breve 

E un'anzia repentina il cor massalse
5 Per l'apprezzar dell'umido equinozio 
10 Che offusca l'oro delle spiagge salse 

Alla sabbia del tempo urna la mano 
Era clessidra il cor mio palpitante 
l'ombra crescente dogni stelo vano 
Quasi ombra d'ago in tacito quadrante.







Regala ciò che non hai..

Occupati dei guai, dei problemi 
del tuo prossimo. 
Prenditi a cuore gli affanni, 
le esigenze di chi ti sta vicino.
Regala agli altri la luce che non hai, 
la forza che non possiedi, 
la speranza che senti vacillare in te, 
la fiducia di cui sei privo.
Illuminali dal tuo buio.
Arricchiscili con la tua povertà.
Regala un sorriso 
quando tu hai voglia di piangere.
Produci serenità 
dalla tempesta che hai dentro.
"Ecco, quello che non ho te lo dono".
Questo è il tuo paradosso. 
Ti accorgerai che la gioia 
a poco a poco entrerà in te, 
invaderà il tuo essere, 
diventerà veramente tua nella misura 
in cui l'avrai regalata agli altri

Alessandro Manzoni

Biografia







Paul Émile Chabas nacque a Nantes il 7 marzo del 1869 e morì a Parigi il 10 maggio del 1937. Fratello minore del pittore Maurice (1862-1947), fu allievo di William-Adolphe Bouguereau: i suoi soggetti preferiti sono nudi sottilmente erotici; uno di questi divenne particolarmente famoso nel 1913.
Mattinata settembrina fu dipinta in tre estati: terminata e presentata nel Salon del 1912, fu premiata senza suscitare alcuna particolare sensazione, malgrado l’evidente erotismo del soggetto, una giovane nuda che rabbrividisce nelle fredde acque di settembre del lago di Annecy nell’Alta Savoia. La modella era una donna del luogo, e Chabas vi aveva adattato il volto di una giovane americana, Julie Phillips, conosciuta con sua madre a Parigi.
Il dipinto fu mandato l’anno dopo a un’esposizione che si teneva a Chicago, dove il sindaco accusò il gallerista di indecenza, citandolo in tribunale, che gli diede però torto. Questa vicenda giudiziaria rese famoso il quadro che, passato in esposizione a New York, fu visto dal presidente della Society for the Suppression of Vice, Anthony Comstock, il quale ne rimase scandalizzato, reclamandone invano la rimozione dalla mostra.
A questo punto la risonanza del quadro raggiunse l’acme: in tutto il paese imperversavano vignette satiriche su giornali e riviste, la folla si accalcava per vedere il quadro che fu riprodotto rapidamente in calendari, in cartoline, nelle scatole dei più diversi prodotti commerciali.
Paul Chabas lo vendette per 10.000 dollari a un collezionista russo e dopo la Rivoluzione il quadro ricomparve Parigi nella collezione Gulbenkian: di qui passò in una collezione di Filadelfia e infine, nel 1957, al Metropolitan Museum di New York, che lo conserva tuttora. Dato il successo del quadro, Chabas ne dipinse ancora alcune varianti.

Letto volte.

I più letti del mese

Eventi - La seconda saluterà il 2018 nel cielo del 2 gennaio e il 31 gennaio sarà la...

Poesie - A mio padre in sogno Sorridi un poco e te ne vai pensoso. E ad un tratto con...

Ricerche d'autore - Definizione di amore Strano, considerando quanto sull’amore è stato scritto,...

^ Top