/Poesie/Poesie d'autore/ Ugo Foscolo
Cerca
Magicamente
storie e poesie
I motivi esplicitamente autobiografici, i temi dell' esilio e della morte, nei sonetti, ci riportano la malinconia dell'Ortis .



DI SE STESSO 

Non san chi fui; peri di noi gran parte: 
Questo che avanza è sol languore e pianto 
E secco è il mirto, e san le foglie sparte 
Del lauro, speme al giovenil mio canto; 
Perché dal di ch'empia licenza e Marte 
Vestivan me del lor sanguineo manto, 
Cieca è la mente e guasto il core, ed arte 
L'umana strage, arte è in me fatta e vanto, 
Che se pur sorge di morir consiglio, 
A mia fiera ragion chiudon le porte 
Furor di gloria e carità di figlio, 
Tal di me schiavo e d'altri e della sorte, 
Conosco il meglio ed al peggior m'appiglio, 
E so invocare, e non darmi la morte. 

A SE STESSO 

Che stai? già il secol l'orma ultima lascia; 
Dove del tempo san le leggi rotte 
Precipita, portando entro la notte 
Quattro tuoi lustri, e obblio freddo li fascia
Che se vita è l'error, l'ira e l'ambascia, 
Troppo hai del viver tuo l'ore prodotte: 
Or meglio vivi, e con fatiche dotte 
A chi diratti antico esempi lascia. 
Figlio infelice e disperato amante, 
E senza patria, a tutti aspro e a te stesso, 
Giovine d'anni e rugoso in sembiante, 
Che stai? breve è la vita e lunga è l'arte: 
A chi altamente oprar non è concesso 
Fama tentino almen libere carte. 


ALL'ITALIA 

Te nudrice alle Muse, ospite e Dea, 
Le barbariche genti che ti han doma 
Nomavan tutte, e questo a noi pur fea 
Lieve la varia, antiqua, infame soma. 
Ché se i tuoi vizj e gli anni e sorte rea 
Ti han morto il senno ed il valor di Roma, 
In te viveva il gran dir, che avvolgea 
Regali allori alla servil tua chioma. 
Or ardi, Italia, al tuo Genio ancor queste 
Reliquie estreme di cotanto impero; 
Anzi il toscano tuo parlar celeste 
Ognor più stempra nel sermon straniero; 
Onde, più che di tua divisa veste, 
Sia 'l vincitor di tua barbarie altero. 


A FIRENZE 

E tu ne' carmi avrai perenne vita, 
Sponda ch' Arno saluta in suo cammino, 
Partendo la città che del latino 
Nome accogliea finor l'ombra fuggita. 
Già dal tuo ponte all'onda impaurita 
Il papale furore e il ghibellino 
Mescean gran sangue, ove oggi al pellegrino 
Del fero Vate la magion s'addita. 
Per me cara, felice, inclita riva, 
Ove sovente i piè leggiadri mosse 
Colei che, vera al portamento Diva, 
In me volgeva sue luci beate, 
M'entr'io sentia dai crin d'oro commosse 
Spirar ambra sia l'aure innamorate. 


A SE STESSO 

Perché taccia il rumor di mia catena, 
Di lagrime, di speme e d'amar vivo 
E di silenzio; ché pietà m'affrena, 
Se con lei parlo, o di lei penso e scrivo. 
Tu sol mi ascolti, o solitario rivo, 
Ove ogni notte Amar seco mi mena: 
Qui affido il pianto, e i miei danni descrivo 
Qui tutta verso del dolor la piena: 
E narro come i grandi occhi ridenti 
Arsero d'immortal raggio il mio core; 
Come la rosea bocca e i rilucenti 
Odorati capelli, ed il candore 
Delle divine membra, e i cari accenti 
M'insegnarono alfin pianger d'amore. 


DI SE STESSO ALL'AMATA 

Casi gl'interi giorni in lungo, incerto 
Sonno gemo! ma poi quando la bruna 
Notte gli astri nel ciel chiama e la luna, 
E il freddo aér di mute ombre è coverto; 
Dove selva so è il piano e più deserto, 
Allor, lento io vagando, ad una ad una 
Palpo le piaghe onde la rea fortuna 
E amore e il mondo hanno il mio core aperto. 
Stanco mi appoggio or al troncon d'un pino, 
Ed or prostrato ove strepitan l'onde, 
Con le speranze mie parlo e deliro. 
Ma per te le mortali ire e il destino 
Spesso obbliando, a te, Donna, io sospiro: 
Luce degli occhi miei, chi mi t'asconde? 

Ugo Foscolo

Letto volte.

I più letti del mese

Ricerche d'autore - Ho contato i miei anni Ho contato i miei anni ed ho scoperto che ho meno tempo da vivere da ora...

Poesie a tema - Poesie sulla speranza Strofe per musica I Dicono che la Speranza sia...

Ricerche d'autore - Il 18 settembre del 1922 nacque Luciano Erba, poeta, critico letterario e traduttore...

^ Top