/Poesie/ Ricerche d'autore
Cerca
Magicamente
storie e poesie





IL SALICE

Io crebbi in un silenzio arabescato,
in un'ariosa stanza del nuovo secolo.
Non mi era cara la voce dell'uomo
ma comprendevo quella del vento.
Amavo la lappola e l'ortica,
e più di ogni altro un salice d'argento.
Riconoscente, lui visse con me
la vita intera, alitando di sogni
con i rami piangenti la mia insonnia.
Strana cosa, ora gli sopravvivo.
Lì sporge il ceppo, e con voci estranee
parlano di qualcosa gli altri salici
sotto quel cielo, sotto il nostro cielo.
Io taccio....come se fosse morto un fratello

ACHMATOVA ANNA

Letto volte.

comments powered by Disqus

I più letti del mese

Poesie a tema - e) Nel mese di ottobre le giornate si vanno accorciando e viene subito sera. Anche...

Tristezza di fine estate

Poesie a tema - Anche per la calda estate il 2018, si è classificato fino ad ora in Italia come...

Milano mia - I Navigli di milano Risale alla seconda metà del XII secolo la realizzazione del...

^ Top