/Storie/ Letture
Cerca
Magicamente
storie e poesie




Quando ero giovane e avevo in corpo la voglia di essere da qualche parte, la gente matura m’assicurava che la maturità avrebbe guarito questa rogna. Quando gli anni mi dissero maturo, fu l’età di mezzo la cura prescritta. Alla mezza età mi garantirono che un’età più avanzata avrebbe calmato la mia febbre. E ora che ne ho cinquantotto sarà forse la vecchiaia a giovarmi. Nulla ha funzionato. Quattro rauchi fischi della sirena d’una nave continuano a farmi rizzare il pelo sul collo, e mettermi i piedi in movimento. Il rumore d’un aereo a reazione, un motore che si scalda, persino uno sbatter di zoccoli sul selciato suscitano l’antico brivido, la bocca secca, le mani roventi, lo stomaco in agitazione sotto la gabbia delle costole. In altre parole, non miglioro. Vagabondo ero, vagabondo resto. Temo che la malattia sia incurabile.
John Steinbeck

Letto volte.

comments powered by Disqus

Storie

I più letti del mese

Letture - E a chi, se non a lei? Lui pensa che quando si incontreranno sarà bello posarle sul...

Le parole dei grandi - Le parole dell’amore non si pubblicano con leggerezza.  Sono una parte...

Ricerche d'autore - La mia anima cristallina talvolta è turbata da un soffio, le mie torri si...

^ Top